Archivi categoria: Franco Mastrodonato

Frammenti d’antico, al via la sedicesima edizione della manifestazione

 

Frammenti d’antico con Sergio Muniz e Valentina Rosa
Fervono gli ultimi preparativi a Bagnoli del Trigno, per la XVI edizione di Frammenti d’Antico prevista per lunedì 16 e mercoledì 18 agosto.

 

Leggi il programma completo della manifestazione cliccando qui: programma frammenti d’antico  

L’evento quest’anno propone per il giorno 16, a partire dalle ore 21,30, la rievocazione storica di un episodio di brigantaggio che la tradizione orale vuole essere accaduto verso la fine del 1700. Sulla scena una coppia d’innamorati il cui amore è contrastato perché le idee giacobine di lui non piacciono ai genitori di lei. Il ragazzo chiede alla sua bella di parlare con il prete del paese, che intanto è in arrivo, affinché possa intercedere presso la madre e convincerla a sua volta a persuadere il marito circa la bontà del suo sentimento. Il prete giunge in prossimità della ragazza e questa gli esprime le sue pene chiedendogli di metterci la buona parola. Il prete ascolta con attenzione ed acconsente, tanto che, scorgendo la madre della ragazza che sta attingendo acqua alla fontana, subito va a parlarle. La donna si lascia convincere ed assume impegno di parlare con il marito. Nel contempo dal castello muove il corteo con a capo il duca, i notabili ed i capifuoco, capifamiglia di allora, per recarsi a Piazza Olmo, dove avverrà, come ogni anno di agosto, l’elezione dei due sindaci, uno per ciascuna delle due terre, di basso e di sopra, in cui era suddiviso il paese. I capifuoco, al cospetto del duca, votano col sistema della fava e del fagiuolo. Il governatore sovrintende all’elezione e designa i due sindaci eletti; questi ricevono le chiavi del paese ed il suggello; entrambi prestano giuramento “ de bene et fideliter administrando “. Nel finire la cerimonia ecco che arrivano i briganti. E’ un fuggi fuggi generale, ma il duca, il prete ed un sindaco vengono catturati. Il prete ed il sindaco vengono inviati dentro le mura per chiedere un riscatto al popolo bagnolese; dopo alterne vicende viene infine escogitato uno stratagemma che porta all’uccisione di alcuni briganti ed alla fuga dei rimanenti. Il popolo esulta, i giovani innamorati si abbracciano ed il prete, per lo scampato pericolo, indice una giornata di preghiera e di festa, in ringraziamento a Santa Caterina, venerata nel paese come protettrice, per il giorno 18 agosto, nel frattempo si balla, si canta e si mangia in allegria insieme a tutti gli intervenuti. 

 Il presidente dell’associazione culturale “La Perla del Molise” Dott. Franco Mastrodonato

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in associazione culturale La Perla del Molise, Bagnoli del Trigno, Franco Mastrodonato, incendio del Castello, Isernia, Molise

Sperimentazione sulle piante officinali, il 21 novembre a Campobasso la presentazione dei risultati

La locandina dell'evento sulle piante officinali che si svolgerà sabato 21 novembre presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi del Molise a Campobasso

Si svolgerà Sabato 21 Novembre 2009 presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi del Molise la presentazione dei risultati ottenuti nell’ambito del Progetto “Ricerca Applicata sulle Piante Officinali”, compreso nel Programma Pluriennale di interventi diretti a favorire la ripresa produttiva del Molise (Ordinanza P.C.M n. 3268 del 12-03-2003). Parteciperanno il Drottor Franco Mastrodonato, coordinatore scientifico del Progetto, Prof. Sebastiano Delfine, docente di Coltivazioni Erbacee presso l’Università degli Studi del Molise, Dr. Alfredo Cocchiarella, agronomo dell’ARSIAM, Dr. Franco Rossi, botanico della SACOM, Dr. Matteo Gambatesa, amministratore di Biogroup, Giovanni Occhionero, amministratore di Officine Naturali. È inoltre previsto l’intervento del Presidente della Regione, Dr. Michele Iorio, e del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi del Molise, Prof. Giovanni Cannata. Bagnoli è stato il paese che ha partecipato al progetto con una serie di campi sperimentali sapientemente curati dagli agricoltori del posto.

(Fonte: Segreteria Organizzativa Progetto di Ricerca Applicata sulle Piante Officinali)

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli del Trigno, Campobasso, Franco Mastrodonato, Franco Rossi, piante officinali, provincia di Isernia, Regione Molise

Piante officinali e medicina alternativa, la svolta economica e sociale di Bagnoli

A Bagnoli sta per sorgere uno polo all’avanguardia nel campo delle erbe officinali e delle cure mediche alternative. Il complesso che è in fase di costruzione nella parte del paese (terra di basso) prevede una palazzina dedicata alla cure mediche, un’altra per palestre, piscine e riabilitazione, e infine ci sarà anche uno stabilimento produttivo per i farmaci fatti in loco con le erbe medicinali. Si tratta, insomma, di un complesso all’avanguardia in Italia che darà lavoro anche molte persone. Dietro questo ambizioso progetto c’è il dottor Franco Mastrodonato che nel frattempo è riuscito a creare anche una stretta sinergia con i contadini del posto, l’università del Molise per la coltivazioni delle piante officinali. Una sorta di consorzio che, a sua volta, darà nuove prospettive di crescita e di guadagno ai contadini della zona. All’ambizioso progetto partecipano anche il Comune di Bagnoli del Trigno con il sindaco Lello De Vita che ha sposato in pieno l’idea di Mastrodonato e la Regione Molise. Tra un anno o anche prima già uno dei primi lotti potrebbe essere già inaugurato realizzando così quello che può definirsi un vero e proprio sogno per una realtà come quella bagnolese: creare occupazione, incrementare l’economia del paese e attrarre persone in paese, invertendo addirittura il trend negativo dello spopolamento. Si può dire a pieno titolo che Bagnoli grazie alle idee e alla tenacia di Mastrodonato è, dunque, ad una vera e propria svolta sociale ed economica.

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli del Trigno, Comune di Bagnoli del Trigno, Franco Mastrodonato, piante officinali, polo medico, Regione Molise, sindaco Lello De Vita, svolta

Coltivazione e ricerca sulle piante officinali, questa sera a Bagnoli il convegno per illustrare i risultati raggiunti

Si svolgerà alle ore 21,30 di Sabato 22 Agosto 2009 in Piazza Olmo a Bagnoli del Trigno il convegno di presentazione delle attività svolte nell’ambito del progetto di Ricerca Applicata sulle Piante Officinali dal titolo “Risultati e Prospettive”. Il Progetto, che è compreso nel Programma Pluriennale di interventi diretti a favorire la ripresa produttiva del Molise e finanziato dalla Legge Regionale Art. 15 Ordinanza P.C.M. n. 3268, nasce dalla collaborazione di partner pubblici e privati: Comune di Bagnoli del Trigno, Università degli Studi del Molise, Università degli Studi di Chieti, ARSIAM – Agenzia Regionale per lo sviluppo dell’agricoltura nel Molise, APPOM – Associazione dei produttori di piante officinali del Molise, le associazioni senza fine di lucro Centro Studi e Ricerche Cosmo de Horatiis e La Chiave della Salute e le società Sacom, Biogroup, Officine Naturali e Progetto Domus. Il Progetto si propone di acquisire nuove conoscenze sulle piante officinali sia sotto il profilo della loro coltivazione, trasformazione e immissione nel mercato sia sotto il profilo delle loro molteplici proprietà, che ne consentono l’impiego in diversi settori: erboristico, farmaceutico, cosmetico e alimentare. L’obiettivo finale è quello di promuovere lo sviluppo economico della regione attraverso l’inserimento di una nuova attività agricola che peraltro trova nel territorio molisano condizioni ideale di sviluppo in virtù di alcune caratteristiche che lo contraddistinguono: bassa industrializzazione, ambienti incontaminati, centralità storica dell’agricoltura.
“A circa due anni dall’inizio del Progetto di Ricerca Applicata sulle Piante Officinali questo convegno – ha dichiarato il coordinatore scientifico Franco Mastrodonato – intende illustrare le attività messe in atto dai partner coinvolti per il raggiungimento degli obiettivi previsti e i primi risultati raggiunti ma, nello stesso tempo, propone una riflessione sugli sviluppi futuri che questo progetto potrebbe avere per il nostro territorio in termini di crescita economica e occupazionale”.
Al convegno interverranno Lello De Vita, Sindaco di Bagnoli del Trigno, Dr. Franco Mastrodonato, coordinatore scientifico del Progetto, Prof. Sebastiano Delfine, docente di coltivazione erbacee presso l’Università degli Studi del Molise, Dr.ssa Marcella Vergalito, presidente dell’APPOM, Dr. Franco Rossi, direttore scientifico di Sacom, Dr. Giovanni Occhionero, amministratore di Officine Naturali e Dr. Matteo Gambatesa, amministratore di Biogroup. Al termine dell’incontro sarà consegnata una targa di partecipazione a tutti gli agricoltori soci dell’APPOM che hanno curato gli oltre 20 campi sperimentali allestiti in tutto il territorio molisano, consentendo lo svolgimento degli studi sulle specie officinali selezionate per la ricerca. Per la pubblicazione dei risultati sarà necessario attendere il prossimo autunno quando si terrà il convegno conclusivo nella sede dell’Università degli Studi del Molise.

Lascia un commento

Archiviato in Appom, Bagnoli del Trigno, Biogroup, convegno, Franco Mastrodonato, Franco Rossi, piante officinali, Regione Molise, Sacom, sindaco Lello De Vita, Università del Molise

Numeri record per la XV edizione di Frammenti d’antico: 10mila turisti a Bagnoli del Trigno per la manifestazione

Grande successo per la XV edizione di ‘Frammenti d’Antico’, rievocazione storica in costume di alcuni episodi della storia del centro altomolisano accaduti alla fine del ‘700. Circa 10mila persone provenienti da tutta Italia e dall’estero (erano presenti un cospicuo numero di americani) hanno affollato lo splendido centro storico del paese di architettura medioevale dove si è svolta la manifestazione. La rievocazione storica ha riguardato il 1799, periodo storico denso di eventi in cui anche Bagnoli visse non poche turbolenze. La manifestazione è stata, infatti, imperniata sulla storia di due giovani il cui amore è contrastato dai genitori e vessato dal signorotto del posto. L’evento è iniziato alle 18 con il corteo storico partito dal castello Sanfelice ed è proseguito con la sfilata per le vie principali del paese. Il corteo è poi finito in Piazza Olmo dove il Duca ha dato il via alla festa in onore di Santa Caterina, all’epoca patrona del paese. Da quel momento in poi le vie e le viuzze del paese sono animate cons spettacoli, stand gastronomici tipici, musica, danze, fuochi che hanno coinvolto i partecipanti in un ambiente da favola. La fantasia ha avuto il suo momento migliore quando, intorno alle 24, quando c’è stato il caratteristico ‘volo della fata’. Si racconta, infatti, che sin dai tempi antichi, passata la mezzanotte, dal castello che sovrasta la roccia posta al centro del paese, si librassero delle fate, per cui, chi l’avesse avvistate ed espresso un desiderio, lo avrebbe di sicuro realizzato. Memori di questa leggenda, dal castello, sullo sfondo di una musica suggestiva, è scesa la fata che nel buio si è illuminata di fuochi, dando il suo messaggio benaugurale e tutti i presenti hanno espresso un desiderio. Eccezionale il finale della manifestazione : al suono di musiche scelte per l’occasione, c’è stato ‘l’incendio del castello’ messo a punto mirabilmente dal maestro di fuochi d’artificio Remo Parente. Con l’ultimo sparo dei fuochi è, quindi calato il sipario sulla manifestazione. La sfilata si è svolta con bellissimi costumi d’epoca, realizzati, per la quasi totalità, da Paola D’Onofrio, stilista romana di origini bagnolesi. Nei panni della duchessa ha sfilato, Miss Molise. L’intera manifestazione è stata, invece, organizzata dalla Compagnia di cultura popolare ‘La Perla del Molise’ che, sapientemente guidata dal presidente Franco Mastrodonato, ha messo in campo uno sforzo organizzativo senza precedenti che ha permesso la perfetta riuscita della manifestazione.

Lascia un commento

Archiviato in associazione culturale La Perla del Molise, Bagnoli del Trigno, cortei in costume d'epoca, Frammenti d'antico, Franco Mastrodonato, manifestazioni estive, prodotti tipici, rievocazioni storiche

Frammenti d’antico, al via il 18 agosto a Bagnoli del Trigno la XV edizione della manifestazione: ecco la descrizione dell’evento e il programma

Prenderà il via martedì 18 Agosto a Bagnoli del Trigno a partire dalle ore 18, la XV edizione di Frammenti d’antico, manifestazione ormai collaudata che ha travalicato per notorietà i confini regionali richiamando ogni anno sempre più gente ed un’enorme partecipazione di turisti. L’evento quest’anno propone il corteo storico con partenza dal castello Sanfelice e sfilata per le vie principali del paese. I costumi d’epoca, bellissimi, sono realizzati, per la quasi totalità, da Paola D’Onofrio, stilista romana di origini bagnolesi. Nei panni della duchessa sfilerà, come ormai consuetudine per “Frammenti”, Miss Molise. “La rievocazione – ha affermato Franco Mastrodonato, presidente della Compagnia di cultura popolare ‘La Perla del Molise’ organizzatrice dell’evento – riguarda il 1799, periodo storico denso di eventi in cui anche Bagnoli visse non poche turbolenze; la manifestazione è imperniata sulla storia di due giovani il cui amore è contrastato dai genitori e vessato dal signorotto del posto. Il corteo storico giungerà in Piazza Olmo e qui il Duca darà il via alla festa in onore di Santa Caterina, all’epoca patrona del paese; da quel momento in poi vie e viuzze si animeranno di spettacoli, di tanti stand gastronomici tipici, musica, danze, fuochi che coinvolgeranno i partecipanti in un ambiente da favola. La fantasia – ha sottolineato Mastrodonato – avrà il suo momento migliore quando, intorno alle ore 24, vi sarà il “volo della fata”. Si racconta, infatti, che sin dai tempi antichi, passata la mezzanotte, dal castello che sovrasta la roccia posta al centro del paese, si librassero delle fate, per cui, chi l’avesse avvistate ed espresso un desiderio, lo avrebbe di sicuro realizzato.
Memori di questa leggenda, dal castello, sullo sfondo di una musica suggestiva, – ha aggiunto il presidente dell’associazione bagnolese – scenderà la fata che nel buio s’illuminerà di fuochi, darà il suo messaggio benaugurale e tutti i presenti potranno esprimere il loro desiderio. Stessa cosa faranno i due innamorati della storia: si giureranno amore eterno e renderanno pubblico il loro sentimento quando, poco più tardi, lo sposo porterà la serenata alla sua “zita”.
Dopo le tre classiche canzoni, mentre la sposa abbraccia il suo amore, ecco che arriva il duca per reclamare il diritto della prima notte. Il popolo non ne può più e, all’ennesima angheria, si ribella, insorge, ammazza il duca e mette a fuoco l’antico maniero. A questo punto, – ha concluso Matrodonato -tutti con il naso all’insù, dalla piazza gremita, con lo sguardo verso il castello e, al suono di musiche scelte per l’occasione, ci si gode “l’incendio del castello” messo a punto mirabilmente dal maestro di fuochi d’artificio Remo Parente.
Esplode l’ultimo colpo e con il sipario che cade e dà appuntamento al 2010, tutti vanno via, tra un mesto vociare, con la testa ed il cuore ancora sospesi a metà, tra sogno e realtà, festa e fantasia”.
PROGRAMMA E DESCRIZIONE DELLA MANIFESTAZIONE

SI RINGRAZIA LA COMPAGNIA DI CULTURALE POLOLARE ‘LA PERLA DEL MOLISE’ PER LA GENTILE COLLABORAZIONE

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli del Trigno, corteo storico, Frammenti d'antico, Franco Mastrodonato, incendio del Castello, miss Molise, sfilata

I mesi dell’anno-il tempo racconta, al via a Bagnoli il 14 agosto il percorso museale

A partire dalle ore 21.30 di venerdì 14 Agosto a Bagnoli del Trigno, nell’ambito della XV edizione di Frammenti d’Antico, verrà aperto il Percorso Museale “I Mesi dell’Anno” (nella foto a sinistra una scena allestita su un carro). Rinnovando la formula dell’omonima manifestazione che si tiene da ben sedici anni nell’ultima domenica di carnevale, La Compagnia di Cultura Popolare, nell’ultima edizione, ha allestito, in dodici vecchi locali, le stesse scene che prima venivano ricostruite sui carri: un vero percorso museale della civiltà contadina che attraverso il filo del tempo, i mesi appunto, racconta la sua storia. Il lavoro, curato dai carristi e accolto con molto favore da quanti sono intervenuti a carnevale, viene riproposto all’attenzione dei numerosi turisti e dei tanti appassionati della cultura popolare che hanno ormai in Bagnoli del Trigno un punto di riferimento importante nel panorama regionale. Il proposito è quello di trasformare questo Percorso Museale in qualcosa di duraturo nel tempo in modo da rappresentare una vera e propria memoria storica. I locali saranno aperti dal 14 al 24 Agosto tra le ore 22 e le ore 24, rappresentando un punto d’attrazione importante durante la serata del 18 quando prenderà corpo la manifestazione di Frammenti d’Antico.

(Fonte: ufficio stampa Compagnia di cultura popolare ‘La Perla del Molise’)

Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli del Trigno, Frammenti d'antico, Franco Mastrodonato, i mesi dell'anno, manifestazioni estive

Corso di formazione sulle piante officinali a Bagnoli, concluso il corso. L’Appom: queste piante sono sempre più richieste dal mercato.

Si è svolta ieri pomeriggio a Bagnoli del Trigno, presso il salone della Compagnia di Cultura Popolare, l’incontro conclusivo del Corso di Promozione e Formazione sulle piante officinali organizzato dall’Appom – Associazione dei Produttori Piante Officinali del Molise. Il tema centrale della lezione è stata l’evoluzione, a breve e medio termine, del Progetto di ricerca applicata sulle Piante Officinali. Il Corso infatti, è stato organizzato nell’ambito del medesimo Progetto, compreso nel programma Pluriennale di interventi diretti a favorire la ripresa produttiva del Molise (art. 15, ordinanza P.C.M. n. 3268 del 12-03-2003), che vede la partecipazione diretta di tanti agricoltori molisani, soci dell’Appom, che hanno dato la loro disponibilità ad allestire dei campi sperimentali. Hanno preso parte all’incontro conclusivo del Corso il presidente dell’Appom, la dott.ssa Marcella Vergalito, il coordinatore scientifico del Progetto, dott. Franco Mastrodonato, il prof. Sebastiano Delfine, docente dell’Università degli Studi del Molise, il dott. Matteo Gambatesa ed il dott. Franco Rossi, rappresentanti rispettivamente della Biogroup S.r.l. e della Sacom S.p.a.. É intervenuto anche il sindaco del Comune di Bagnoli del Trigno, Lello De Vita, che ha ultimato la lezione con la consegna degli Attestati di Partecipazione. Il Corso infatti, nei suoi sette incontri ha visto la partecipazione di un nutrito numero sia di Soci che di altre persone, non associate, ma profondamente interessate al mondo delle Piante Officinali. La serata si è conclusa con un buffet di dolci e aperitivi. L’Appom, attraverso questa iniziativa, si è posta come obiettivo quello di promuovere una maggiore conoscenza delle possibilità economiche offerte dalla coltivazione delle piante officinali che, negli ultimi anni, sono state oggetto di un rinnovato interesse da parte del mercato a causa delle loro molteplici proprietà che ne consentono l’impiego in diversi settori: alimentare, erboristico, farmaceutico, fitoterapico.
(Fonte: presidente Appom Marcella Vergalito)

1 Commento

Archiviato in Bagnoli del Trigno, compagnia di cultura popolare, corso di formazione e promozione, Franco Mastrodonato, Isernia, Molise, piante officinali

Mastrodonato: i mesi dell’anno a Bagnoli, un carnevale per riscoprire le antiche tradizioni divertendosi



Il presidente della Compagnia di Cultura Popolare ‘La Perla del Molise’ di Bagnoli del Trigno, Franco Mastrodonato, presenta la manifestazione ‘I Mesi dell’Anno’ che si terrà domenica 22 Febbraio 2009 nel paese altomolisano. Una manifestazione, che è giunta quest’anno alla sedicesima edizione e nella quale sono state introdotte importanti novità. “La manifestazione – spiega Franco Mastrodonato – avvertiva ormai l’esigenza di introdurre degli elementi di novità nel canovaccio che ha ispirato le precedenti edizioni, rimanendo però fedele all’intento originario di aprire una finestra sull’antica civiltà contadina, sulle sue tradizioni e suoi saperi, non rinunciando all’atmosfera di gioia e di ilarità tipica del Carnevale. Non ci saranno più i carri agricoli che rappresentavano i diversi mesi dell’anno attraverso la ricostruzione di momenti della vita contadina, ma ci saranno i cosiddetti mesi-persona, figura che abbiamo recuperato dalla memoria storica di Bagnoli del Trigno, in cui il Carnevale veniva anticamente festeggiato da contadini che, in sella ai propri asini, giravano per le vie del paese vestiti in modo tale da raffigurare i diversi mesi dell’anno. Cambia anche la localizzazione della festa, che si sposta dalla parte alta del paese alla terra di basso, suggestiva cornice ai piedi del castello e della roccia”. Tante le aspettative che Mastrodonato nutre nei confronti di questa rinnovata edizione della festa. “Ci aspettiamo – continua Mastrodonato – che nonostante le basse temperature di questi giorni siano tante le persone che verranno ad assistere alla nostra manifestazione; di motivi, del resto, ce ne sono davvero tanti, non dimenticando la presenza di gruppi musicali ed artisti di strada e degli stand gastronomici in cui sarà possibile gustare i piatti tipici della tradizione bagnolese legata al Carnevale. Ma più di ogni altra cosa ci auguriamo che il mal tempo non ci tiri il più brutto degli scherzi!” Il presidente della Compagnia di Cultura Popolare ‘La Perla del Molise’ pone poi l’accento su una delle maschere di carnevale più caratteristiche di Bagnoli del Trigno. “Francische r’giullier – aggiunge Mastrodonato – è il re del nostro carnevale, ma è un re povero che girerà per le vie del paese in sella al suo vecchio asino con in mano un umile scettro fatto da una mazza con una patata alla punta. Quest’anno abbiamo voluto mettere in scena l’ambizione di Francische di avere il comando sui mesi, dando a ciascuno di loro darà indicazioni su come comportarsi a mano a mano che si avvicenderanno nella ruota del tempo. Ma alla fine i mesi si ribelleranno e Francische sarà ucciso dalla forza del tempo che nonostante tutto continua la sua corsa. L’incendio del fantoccio di Francische, che darà poi fuochi a spettacolari fuochi pirotecnici, segnerà la fine del carnevale e il passaggio alla quaresima”. Mastrodonato parla, infine delle difficoltà incontrate per organizzare una manifestazione così complessa. “La difficoltà maggiore – conclude il presidente della Compagnia di cultura popolare – è di reperire i materiali originari per la ricostruzione dei vari momenti, che sono poi la parte più importante della nostra manifestazione che, più di ogni cosa, vuole essere un viaggio attraverso la memoria. Negli ultimi anni poi abbiamo dovuto fare i conti con la difficoltà di portare avanti una manifestazione che diventava sempre più conosciuta e apprezzata in una situazione di carenza di risorse umane e organizzative”. Il nostro auspicio, e ne siamo sicuri, è che la manifestazione di quest’anno possa essere la più bella degli ultimi anni. Per questo invitiamo tutti a recarsi a Bagnoli per vivere un carnevale pieno di gioia e di allegria.
(Si ringrazia per la gentile collaborazione Francesca Finamore che ha curato l’intervista e la Compagnia di cultura popolare per le foto che descrivono alcuni momenti della manifestazione degli anni scorsi con i carri raffiguranti i mesi dell’anno)




Lascia un commento

Archiviato in Bagnoli del Trigno, carnevale, compagnia di cultura popolare, festa in piazza, Franco Mastrodonato, i mesi dell'anno, Isernia, Molise, storia